Capolavori della letteratura russa

19 Gennaio 2010

Allora, per farci capire: mio babbo non vede bene, è sempre stato miope, poi è diventato anche presbite: ora è diventato vegliardo, che è un modo per dire vecchino: lui anziché leggere i libri se li scarica in mp3 sul telefonino (è un vegliardo tendente al moderno) e se li ascolta: l’altro giorno dice che ha finito di ascoltare Anna Karenina, mica ascolta cose così, ascolta capolavori della letteratura russa: e mi ha detto che gli è costato finir di ascoltare Anna Karenina, non so se fossero cento o duecento mila audiocapitoli: io ci ho creduto subito che gli fosse costato moltissimo, in tempo e in voglia di mettersi là ad ascoltare con gli auricolari guardando un punto indefinito del muro bianco (è così che si ascolta, altrimenti perdi la concentrazione e fra Kirillovich, Arkadyevich, Oblonski, Oblonskaya uno si perde): e infatti mio babbo mi ha detto, dopo aver finito l’ascolto di Anna Karenina: quanto mi è costato finirla: una porcheria.

Scritto da Reloj il 19 Gennaio 2010
Contiene Libri, scrittura | 4 commenti

Commenti (4)

Commenta

Required fields are marked *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.