Scarpe, immigrati e piatti d’argento

04 Giugno 2008

Questo ometto qua ha bisogno di meno avvocati e più consulenti psichici, chiamiamoli così. La migliore stampa italiana si è prodigata in analisi più o meno approfondite sulla salute mentale di alcuni personaggi ma mai, mai si è interrogata su quella della persona più visibile del Paese. Eppure lui gliele serve su un piatto d’argento. Anzi, tutto è d’argento, il piatto, le posate, i bicchieri, la tovaglia, l’acqua.

L’ultima: l’immigrazione clandestina è reato.
L’ultimissima: No, Zapatero, tu tranquillo, è solo aggravante.
L’ultimissimissima: Maroni, tu tranquillo, è reato.

Io perso il conto di quanti piedi ha in una scarpa. O di quante scarpe in un piede. O di quanti scarpa in dei piede. Boh. Voi che siete là magari capite qualcosa in più.

Scritto da Reloj il 04 Giugno 2008
Contiene Senza categoria | 1 commento

Un Commeno

Commenta

Required fields are marked *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.