Crick e Crocs

12 Luglio 2007

Come ho fatto a non pensarci prima?

Sono troppo diffuse per essere un elemento antropico. Si tratta invece – e chiaramente – di una decisione Superiore. Ne è la prova la foto di Bush in crocs, nere come il petrolio.
Ho capito tutto.
Perché lui, ‘Abd Allah al-Sa’ud, probabilmente ha provato ad andare in giro con le scarpe coi lacci, ma ha un elastico che lo tira indietro verso la tradizione, ed è fortissimo: mocassini, e solo mocassini usava il Profeta Muhammad, Sala ‘Alayhu Wa Salam. D’altronde ai suoi tempi non esistevano i lacci.
E allora la ruota del Destino, che è poi mossa dalla stessa mano Divina, ha voluto che la mente umana concepisse un paio di mocassini moderni, universali, comodi nelle bollenti sabbie del deserto così come nei buî corridoi della morte delle carceri Texane.
E quando nacque la scarpa, dalla scarpa nacque la scarpa da barca in pelle, dalla scarpa da barca in pelle il mocassino, dal mocassino ebbe origine lo zoccolo da infermiera, dallo zoccolo da infermiera le crocs.
La tradizione è rispettata, la bida’ o innovazione è respinta. In realtà il progetto prevedeva la sola diffusione di quelle nero petrolio, ma la moda è biricchina e propende per quelle fucsia. Son cose che s’aggiustano.
Il mocassino di plastica di G.W. Bush è l’esatto equivalente del mocassino in pelle di cammello di Muhammad, SAWS. Il nobile e antico casato dei Sa’ud, amici del Profeta, detta legge economica e stilistica sotto la direzione dell’Unico. Wa Allah-u A’lam.

Scritto da Reloj il 12 Luglio 2007
Contiene Autorità, Mondo, ricordi, Varie | 4 commenti

Commenti (4)

Commenta

Required fields are marked *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.