Here, There, and Everywhere

27 Giugno 2007

Un 26 giugno da paura:
I miei cinque anni di studio della lingua inglese – con la famigerata G.M., mica briciole – non son serviti a niente. Mi fu chiaro quando in London’s Stansted Airport mi fermò una poliziotta di chiaro origine indiano per chiedermi chi ero, da dove venivo, dove andavo, e un Fiorino: non mi son serviti a niente. Non riuscivo a dire che arrivavo dalla Spagna, che andavo in Italia con un volo dallo stesso aeroporto, dopo sole tre ore.
In verità vi dico, neanche fu che la signorina avesse grande elasticità mentale. Ogni tre minuti bisognava rinfrescarle la memoria: Please speak slower, I don’t understand you. Che umiliazione. Ora che ci penso magari lo faceva apposta… no, no, è proprio che il mio inglese non c’è più, chevvolete, anche l’italiano i primi giorni a casa mi abbandona.
Dico cose strane.
Noi emigranti siamo così: parliamo fra di noi in una neo-lingua che capiamo alla perfezione. Una lingua ricca e armonica, ma diciamo cose strane, sopportiamo le facce e le risate di quelli che non sono come noi e a volte anche la loro compassione. La cosa più brutta è quando la gente crede che tu faccia errori di lessico o grammatica a proposito, tipo dire “como” invece di “come” per far notare che sai lo spagnolo. Terribile. Ma un giorno, alla facciaccia vostra, raggiungerò l’agognato nivel de lengua che permette la perfetta distinzione fra una e l’altra. E so che quel giorno tornerà anche il mio Inglese. E il mio Francese. E l’Arabo, il Greco, il Polacco.
Quel giorno è vicino.

Scritto da Reloj il 27 Giugno 2007
Contiene linguaggi | 3 commenti

Commenti (3)

Commenta

Required fields are marked *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.